Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

Diritti e Doveri

Tutto quello che c'è da sapere sul tuo amico e sugli obblighi nei suoi confronti

Perchè il microchip

Il primo gennaio del 2007 è entrata in vigore una legge a livello Europeo che impone l’immissione del microchip nel cane. Di conseguenza tutti i padroni hanno portato il proprio cane dal veterinario per eseguire questa pratica.

microchip-cane

Ma perché è così importante mettere il microchip al proprio cane?

Occorre dire che il microchip è uno strumento molto utile per l’animale stesso perché lo tutela da smarrimenti, furti e abbandoni. Il cane con un microchip non può essere venduto e non può essere abbandonato, pena pesanti sanzioni.
La pratica è molto semplice e indolore. Basti pensare che il microchip è inserito in una capsula grande quanto un chicco di riso, solo 11 millimetri per 2. Questa capsula è in vetro ed è biocompatibile, ciò significa che non crea problema alcuno al cane, né di tipo fisico, né psicologico.

leggere-michrochipUna volta iniettata attraverso un ago monouso, la capsula rimane fissa in posizione sottocutanea nella parte sinistra del collo. Un paio di secondi è l’operazione è conclusa, niente anestesia, nessun fastidio per l’animale e una miglior tutela del vostro cane. Fatto questo, tramite un lettore, si può rilevare il codice, ossia il numero del microchip composto da 15 caratteri di numeri e lettere. Tale codice riporta ad un database completo di tutte le informazioni che concernono il cane e il padrone.

Per poter eseguire questa pratica, sono indispensabili alcuni requisiti. Innanzitutto
- l’animale deve avere meno di due mesi
- in caso di ritrovamento o adozione, deve riportare il microchip obbligatorio entro una settimana di tempo
- il padrone del cane deve aver compiuto la maggiore età, deve essere incensurato e residente nella regione di competenza del veterinario.

Nell’ultimo periodo, sta divenendo sempre più pratica comune inserire il microchip anche nel gatto. Secondo la legge, gatti e furetti devono riportare un microchip nel caso di passaggio da un paese all’altro dell’Unione Europea. In tutti gli altri casi, la pratica è libera. Essendo il gatto un animale indipendente e curioso del mondo che lo circonda, è molto utile in caso di smarrimento. Lo stesso discorso fatto per il cane, vale per il gatto. La pratica è, anche in questo caso, indolore, rapida e senza alcun effetto collaterale.

Via Campania 3B+39 0744 406 995info@ centroveterinariosalema.it

footer logo

Nel Centro Veterinario Salema, gli animali da compagnia sono seguiti con grande professionalità e amore. 

Il nostro esperto staff è in grado di seguire professionalmente e accuratamente qualsiasi patologia, individuandone ogni volta le terapie più efficaci e meno invasive possibili.

Photo Gallery